Reading Recital

L’ ospite inatteso

Reading Recital

L’OSPITE INATTESO

reading musicale

testi di Mario Soliani

voce narrante Marina Coli

musica per arpa Stefano Donelli

Le parole per scrivere del cancro non sono solo quelle che spiegano o narrano della malattia, ma anche quelle che accolgono e danno forma al senso che assume nella nostra vita.

L’insieme di queste parole intreccia la trama e l’ordito del testo, che legge karkinos come metafora del nostro tempo.

Il cancro abita pervasivo la nostra epoca occupando l’esistenza di malati, famiglie, affetti, relazioni e rimozioni collettive, anche se per lo più tendiamo a ignorarne la presenza, come se riguardasse solo la vita “degli altri”. Restiamo immersi nel nostro minuscolo mondo fatto di certezze tanto illusorie quanto fragili, fino a quando scopriamo che “gli altri siamo noi”.

Ne scriviamo allora per definirne i margini con l’intenzione di porgere una mano verso chi si sente perso di fronte al male.

Dieci frammenti di lettura intrecciata alla musica che ricompongono i “nostri frammenti” nei percorsi più indecifrabili della vita.

Condividi