Teatro

Melmadiluna

Teatro,Teatro ragazzi

liberamente ispirato al racconto di Andrei Matthews.

Adattamento narrativo e regia di Marina Coli
con: Cinzia Bertini, Marina Coli, Serena Ferrari, Paola Giampellegrini

Consigliato per secondo ciclo di scuola elementare.

In tutta la storia della stregoneria, mai ci fu strega più malvagia di Melmadiluna.
Oltre ad essere malvagia, Melma era brutta. Il naso a uncino sembrava un coltello per intagliare il legno e i capelli somigliavano alla pelliccia di un topo annegato. La magia era tutto per lei. Si era fatta un’ottima clientela e veniva chiamata ovunque fosse richiesta un’azione malvagia.

In questo modo Melma si era talmente arricchita, che ormai poteva permettersi di vivere senza lavorare. Insieme al suo fedele demone familiare, Tonino il tritone, e al maggiordomo Crombi lo zombi, si era ritirata in un castello in rovina costruito su una montagna chiamata Monte Nero: un luogo così umido, orrido e puzzolente da far venire i brividi. Melma ne era entusiasta e lo aveva chiamato la Rocca dei Sortilegi. Lì viveva felice e contenta, conducendo una vita tranquilla.
E avrebbe continuato così se, una mattina, un inatteso visitatore non si fosse
presentato al castello…

 

Con questa opera la Compagnia Teatro Bismantova intende porgere al giovane pubblico la riflessione dell’eterna lotta fra il bene e il male, il riconoscimento finale che vuole il bene vittorioso sul male, perché, come racconta il testo: “il vero amore vince ogni malvagità”. Con dinamica ironia il lieto e comico finale restituisce anche al male la possibilità di riscatto.


La Compagnia Teatro Bismantova, di Castelnovo ne’ Monti in provincia di Reggio Emilia, nasce nel 2006 da un percorso di formazione attoriale di teatro di narrazione e di prosa per i primi 3 anni, successivamente di teatro di narrazione e fisico.
Le sue produzioni sono: “Hänsel & Gretel”, per il teatro ragazzi e “Una stella cade per chi viene e chi va – storie di emigrazione dall’Appennino Emiliano”.

Condividi